logo_header

menu_up
menu_down

pinelli   pozzali  
masetti
         
GIACOMO PINELLI   MARCO POZZALI   MARCO MASETTI
Giacomo Pinelli è nato a Milano nel 1975. Ha pubblicato Elis dì ( Montedit, 1999), Blue Drama (Prospettiva Editrice, 2001), Aparencia (Apollo e Dioniso, 2003). Dirige la collana Narrativa della Fedelo’s Editrice, per la quale ha pubblicato Breve nevicata notturna (2009) e Preghiera della luce tenue (2010). Fa parte del circolo culturale Giro di Parole.

  Nato a Parma nel 1972, giornalista professionista, è attualmente caporedattore della rivista Bar Business e segue le pagine del vino per il gruppo editoriale Food. È  stato condirettore della rivista Mangiarsano e ha lavorato per le riviste La mia Cucina e Buon Appetito. Per il gruppo Food ha realizzato gli abbinamenti vino-cibo nelle numerosissime collane di libri (più di 150 titoli) editate sia per la libreria che in allegato ai principali quotidiani e periodici nazionali come La Repubblica, Il Giornale, La Stampa, Il Giorno, La Nazione, Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Gazzetta di Parma e il settimanale Donna Moderna. Nel novembre 2007 gli è stato conferito il titolo di Chevalier de l’Ordre de Coteaux de Champagne, per aver diffuso il nome dello Champagne nel mondo.   Marco Masetti, nato nel 1946 nel cuore di Parma, fin dall’infanzia attratto da pittura, poesia e fotografia, Marco Masetti, poi divenuto agronomo per inserirsi nell’attività paterna di floricoltore e fiorista, non ha mai abbandonato le proprie passioni, dedicandosi più avanti negli anni all’esperienza televisiva, ai video ed al giornalismo.
Una lunghissima attività di direttore in centri di formazione professionale, non gli ha mai tolto la possibilità di documentare e scrivere.
Collaboratore di riviste nazionali in campo agricolo; di Calderini Edagricole – Il Sole 24 Ore e del quotidiano locale “La Gazzetta di Parma”, dopo brevi esperienze letterarie, si propone con una raccolta di racconti ambientati in rioni popolari della Parma del dopoguerra.
separa
 
separa
 
separa
 
 
jameskalinda   singorak   pollutri
         
JAMES KALINDA   SIGNORA K   PIERMICHELE POLLUTRI

James Kalinda nasce un torrido giorno
in una sperduta fabbrica della pianura emiliana. I personaggi che disegna sono frutto della sua immaginazione rielaborazioni di foto che trova in rete e sui giornali o persone realmente esistenti.
Firma i suoi disegni con un fumetto nero.
Cosa dicono i suoi personaggi non lo sa nessuno o forse lo sanno tutti tranne lui Adora dipingere in luoghi abbandonati o più generalmente in strada perché gli da una sensazione particolare quasi di esistenza Vorrebbe essere un uomo di Neanderthal per un giorno.

jameskalinda.com

  Nata a Reggio Emilia, vive a Parma. Laureata in fumetto e illustrazione nel 2009 all’Accademia di belle arti di Bologna.
Dall’esigenza di ricerca e sperimentazione di nuovi mezzi e messaggi, sono passata dall’uso dello spray a quello della pittura a pennelli su muro e la mia arte spazia tra disegni, quadri a olio, fumetti e incisioni ad acquaforte.
I diversi modi con cui affronto le differenti tematiche che tratto, hanno ognuno bisogno di una reinterpretazione personale, per questo associo, a soggetti diversi, diverse tecniche. Ogni rappresentazione ha la necessità di raccontarsi, e, per fare questo, deve avere un modo di esprimersi tutto suo, fatto di propri segni e materiali.
Mi piace il grottesco in tutta la sua forza narrativa, racconto storie che possano colpire in modo positivo o negativo, non riesco a concepire un’arte che lasci indifferenti e passivi.

myspace.com/signorak
  Piermichele Pollutri (Vasto-Chieti, 1972), laureato in Scienze Politiche presso l’Università di Camerino (Mc) ha frequentato diversi Corsi di Perfezionamento presso la facoltà di Filosofia dell’Università di Parma. Ha pubblicato articoli e saggi sulla storia del movimento antifascista italiano, collabora con il Centro Studi Movimenti di Parma. Ha pubblicato nel 2009 per Fedelo’s Parma 25 agosto 1972, Omicidio di Mariano Lupo.
separa   separa   separa
         
adriano   andrea  
         
ADRIANO ENGELBRECHT   ANDREA MARVASI   DAVIDE BARILLI
Adriano Engelbrecht è nato in Germania nel 1967 e vive a Parma.
Poeta, attore, musicista, ha pubblicato Dittico Gotico per Cultura Duemila Editrice (1993) e Lungo la vertebrata costa del cuore per I Quaderni del Battello Ebbro (2003). Conduce da vent’anni un articolato percorso di ricerca sul rapporto tra poesia e teatro.
La sua produzione poetica è rappresentata in diversi teatri italiani, stranieri e nell’ambito di vari festival.
  Andrea Marvasi, penalista, alla sua prima esperienza letteraria. Responsabile e coordinatore delle collane di "sociologia" e "politica" della Fedelo's Editrice.  

Davide Barilli è uno scrittore italiano, autore di libri di racconti e romanzi. La sua opera letteraria - che comprende titoli come “Musica per lo zar’’, “Poltrona per acqua’’, “La casa sul torrente’’ e “Le cere di Baracoa’’ - tende a un’evocazione storica senza perdere di vista una visione contemporanea della narrativa, tra realtà e finzione. Con Fedelo’s ha pubblicato altri tre libri nella collana “Riflessi’’: “Lo specchio silenzioso’’, “Carte d’Avana’’ – vincitore del premio Microeditoria di qualità nel 2011 – e “La ragazza di Alamar’’.  

separa   separa   separa
         
poggioli   canepa   ronchini
         
PAOLA POGGIOLI - Axaly -   VALENTINA CANEPA   PIETRO RONCHINI
Paola Poggioli nasce a Milano nel 1980. Si trasferisce nel piacentino, poi a Parma dove studia Ingegneria ed in seguito lavora come consulente informatico. A quattordici anni conosce il fantasy grazie a J.R.R. Tolkien ed inizia a misurarsi col genere in una commistione di influenze manga e yaoi. Nel 2005 comincia a pubblicare in internet con lo pseudonimo Axaly riscuotendo buoni consensi
che l’hanno indotta a pubblicare. “La Maschera”
è il primo volume della sua saga fantasy più breve.

http://axaly.wordpress.com/
  Marco "Valentina" CanepaMarco "Valentina" Canepa è un trans camallo al porto di Genova. Ha partecipato a numerose trasmissioni in TV.
E' consigliera nazionale e provinciale di Arcigay e nel 2010 è stata candidata al consiglio regionale della Liguria per i Verdi.
  Pietro Ronchini è nato a Parma nel 1951.
Esercita l’attività di fotografo e operatore video.
Ha esposto per il Comune di Parma in numerose mostre fotografiche.
Ha collaborato con i registi Francesco Barilli e Primo Giroldini, realizzando come direttore della fotografia numerosi documentari.
Come regista, in collaborazione con Ilaria Scaffardi, ha realizzato il documentario “Parma, arte e storia”.
Nel 2002 ha curato la fotografia del lungometraggio in bianco e nero “Nel cuore della notte”, presentato al “Noir in festival” di Courmayeur.
Ha pubblicato “Delitto al Maretto” con Fedelo’s Editrice nel 2011.
“Il capanno dell’impiccato” è il suo secondo romanzo.
separa   separa   separa
         
lucchesi     ferra
         
MARZIO LUCCHESI   PAOLA PETTINOTTI   MARIO FERRAGUTI
Marzio Lucchesi nello scorso millennio frequenta l'Istituto d'Arte della sua città e la Scuola del Libro di Urbino dedicandosi al fumetto e al disegno d'animazione.
Molti sono i personaggi e le storie che vedono la luce grazie alla matita di Lucchesi, fra i tanti nel '79 nasce Mostralfonso pubblicato su testate nazionali e dall'87 anche in più di 250 puntate televisive. In questo stesso anno inizia una collaborazione con Il Corriere dei Piccoli.
Lavora come art director in pubblicità, ma questo non gli impedisce di ritagliarsi spazi per esprimere la sua innata ironia attraverso vignette che lo portano a vincere premi prestigiosi in rassegne nazionali ed internazionali.
Nel 1991 vince la Palma d'Oro al Salone Internazionale dell'Umorismo di Bordighera; nel 1997 riceve la menzione d'onore al Cartoon Fax Festival Fano Funny; nel 1998 riceve il primo premio all'Eurohumor, Biennale Internazionale del Sorriso.
Nel nuovo millenio si dedica all'arte digitale.


www.marziolucchesi.it/
 

Mi chiamo Paola Pettinotti e nasco nel 1965 a Torino, media borghesia. Frequento il liceo Classico con poca gloria. Mi iscrivo alla facoltà di Storia a Genova e mi laureo nel 1993 con ben 110/100 e lode e una appassionante tesi sulla produzione cinematografica del movimento anarchico durante la guerra civile spagnola. Faccio varie supplenze in scuole secondarie, poi decido che la scuola non mi piace da nessuna parte della barricata e lascio perdere. Conseguo il patentino come guida turistica e mi arrendo al fatto che bisognando lavorare questo è il lavoro meno sgradevole fra quelli che ho a disposizione. Ogni tanto pure mi diverto. E nel frattempo scrivo. Dopo alcuni racconti che raccolgono un po' di gloria in vari concorsi letterari, nel 2007 sono finalmente approdata in libreria con un libro tutto mio: “Ghetto”, una detective-story dal tono spiccatamente genovese che mi è valsa i complimenti di Andrea Pinketts. L'anno successivo, un altro mio racconto è stato incluso nella raccolta “Donne & Crimine”. Scrivo anche saggistica: ho curata diverse biografie della serie “I Grandi Filosofi” ed è di imminente uscita una mia “Breve Storia di Genova”.

  Mario Ferraguti, nato a Parma nel 1968, scrittore.
Dopo diversi anni di ricerche sull’Appennino pubblica La magia dei folletti nell’Appennino parmense e in Lunigiana (Luna editore, La Spezia, 2003); nel 2005 esordisce con il romanzo Malalisandra (ediz. Cadmo, Firenze, collana Pop Up, diretta da Manuela La Ferla), finalista al premio Fiesole e tra i “scelti per voi” nelle librerie Feltrinelli. Nel 2007 compie le ricerche e scrive il film Folletti streghe magie. Il lungo viaggio nella tradizione dell’Appennino, vincitore di numerosi premi e selezionato per il Festival Internazionale di Milano e Los Angeles. Nel 2010 scrive il romanzo Dove il vento si ferma a mangiare le pere (Diabasis, Reggio Emilia).
separa   separa   separa
         
AGNETT   fede   giorgia
         
GIACOMO AGNETTI   FEDERICO MARVASI   GIORGIA SISTI
Giacomo Agnetti è nato a Parma nel 1978, si è diplomato come montatore cinematografico presso la Scuola di Cinema Televisione e Nuovi Media di Milano. Dopo essersi innamorato dell’animazione in stop-motion ha fondato la Magicmindcorporation, una casa di produzione specializzata in animazioni e documentari. Le sue opere hanno ricevuto numerosi premi in diversi festival nazionali e internzionali. Il suo primo cortometraggio Tramondo (2008), è stato nominato in cinquina al David di Donatello dall’Accademia del Cinema Italiano. Il suo interesse principale è quello di divertirsi mettendo insieme persone per lanciarsi in imprese a volte improbabili, più spesso impossibili. Attualmente vive e lavora a Berceto, un microscopico paese sull’Appennino Tosco-Emiliano, assembla storie.   Nato a firenze il 26 giugno 1980, federico marvasi si è sempre interessato al mondo dell’arte. Diplomatosi come tecnico delle industrie grafiche e avendo lavorato come fotografo, ha creato una sua compagnia
teatrale, con la scrittura di commedie e testi di cabaret messi in scena nel corso degli anni. L’autore passa ora dalle sceneggiature al romanzo con il primo volume, ll fiore del crepuscolo, della trilogia i crepuscolari.
  Sisti è nata a Lanciano (ch) 26 anni fa. si è laureata nel 2009 presso l’università di urbino, con tesi di laurea in storia contemporanea dal titolo “Antonio Cieri: una vita tra antagonismo e resistenza”(1898/1937). Studia il primo antifascismo e la storia della resistenza abruzzese. Questo è il suo primo libro.
separa   separa   separa
         
balestrazzi   severo   fogliazza
         
GABRIELE BALESTRAZZI   MARCO SEVERO   GIANLUCA FOGLIA "FOGLIAZZA"
Gabriele Balestrazzi è un 54enne innamorato di Parma che è riuscito a coronare due sogni in un colpo solo: fare il mestiere di cronista e, in questo, modo raccontare la sua città. Un racconto iniziato nel 1975 da collaboratore della Gazzetta di Parma, proseguito per 24 anni (di cui 10 da direttore) a Tv Parma, e poi ripreso in Gazzetta, come vicecaposervizio della cronaca della città ed ora come caposervizio del sito internet. Nel 2007 ha scritto il libro “Tommy: Parma non dimentica”, diario della tragedia del bimbo di Casalbaroncolo il cui ricavato è stato donato all’Ospedale dei Bambini.   (Penne – Pescara, 1977), laureato in Lettere moderne all’Università degli studi di Parma, giornalista professionista, ha collaborato con diversi quotidiani e riviste tra cui “Diario”.
  Gianluca Foglia è [Fogliazza], pseudonimo rimediato negli anni di fabbrica e consolidato negli anni da illustratore, fumettista, disegnatore satirico, autore e interprete teatrale. E’ sposato con Anna, ha due fenomeni che sono Jacopo e Nicolò.

www.biografogliazza.wordpress.com
separa   separa   separa
         
cabassi   nora   parenti
         
ANDREA CABASSI   IARI NORA   ELISA PARENTI
Andrea Cabassi è nato a Parma nel 1955.
Lavora come psicologo e psicoterapeuta presso il servizio di Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza dell’Asl di Parma. Ha pubblicato articoli sui rapporti tra narrazione e psicoterapia in riviste specializzate. Con Maria Teresa Zini, per Carocci, ha pubblicato il libro: “L’assistente sociale e lo psicologo. Un modello di lavoro integrato”.
E’ coautore del volume collettaneo, curato dal sociologo norvegese Stein Braten ed edito dalla olandese John Benjamins, “On being moved. From mirror neurons to empathy” testo al quale hanno dato il loro contributo studiosi e ricercatori di tutti i paesi. Collabora ai siti “Giustizia e Libertà” di Sassari (www.sotziu.it) e Spazioliblab (www.spazioliblab.it).
Collabora, con articoli di analisi politica e racconti, alla rivista parmense “Dalla parte del torto”.
La Sardegna, Marina di Carrara e il mare sono i suoi luoghi dell’anima.
Questo è il suo primo romanzo.
  Iari Nora, nato nel 1976 a Modena, laureato in Lettere Moderne, attualmente è dottorando in Relazioni di lavoro presso la fondazione Marco Biagi di Modena. Prova interesse per il disegno a dodici anni, ma se ne accorge solo venti anni più tardi, nel periodo meno indicato della propria vita. Prova del fatto che il senso delle cose si trova solitamente nell’ultimo posto in cui si penserebbe di cercarlo è l’incontro con Fedelo’s e i monelli di Marco Masetti.   Elisa Parenti nasce a Parma il 23/10/1988, città dove tutt’ora risiede. Frequenta il Liceo Artistico di Parma (sezione grafica) diplomandosi con il massimo dei voti. Prosegue i suoi studi volgendosi al ramo dell’illustrazione, frequentando due anni il corso di illustrazione presso la “Scuola del Fumetto” di Milano e terminando con un anno di master in illustrazione presso il “MiMaster” di Milano.
Si dedica a illustrazioni fiction, per l’infanzia, dopo un primo percorso personale nell’ambito dell’illustrazione naturalistica. Le tecniche che predilige sono l’acrilico e i pastelli colorati. Nel tempo libero si dedica alla pittura.
“Antonino e le stelle” è il suo primo libro edito illustrato.
separa   separa   separa
         
rau   ALE   marchesi
         
ANTONINO RAO   ALESSANDRO CRESTA   GUSTAVO MARCHESI
Antonino Rao, per tutti Antonio, nasce a Cinquefrondi (RC) il 13/10/1983. Si trasferisce a Parma in giovane età e, conclusi gli studi, inizia ad esercitare come geometra libero professionista e come insegnante di arti marziali di adulti e ragazzi.
Coltiva fin da bambino una grande passione per l’astronomia, la quale non lo abbandona mai: studia per suo conto la materia e compie osservazioni del cielo notturno con il proprio telescopio.
Con Elisa collabora all’ideazione del progetto del libro “Antonino e le stelle”, il cui personaggio protagonista non a caso porta il suo nome. Con questa storia per l’infanzia, poi concretizzata nelle illustrazioni e nei testi di Elisa, Antonino vuole poter trasmettere ai bambini la sua grande passione e meraviglia per l’osservazione del cielo notturno e per il mondo dello spazio: suo desiderio è di poter entrare nel cuore dei bambini, dei quali ammira la grande capacità, mai perduta, di essere curiosi e di sapersi stupire continuamente.
  Alessandro Cresta nasce il 22/10/76 in provincia di Milano.
Da sempre interessato alla gastronomia, inizia a lavorare nella ristorazione nel 2003,
diplomandosi poi alla “Escuela de coçina valenciana”.
Ha lavorato a Fuerteventura, Granada, Valencia, Madrid.
Nel 2010 avvia il progetto Casa Malasangre, un circolo di musica, teatro, dj- set.
Nel gennaio 2013 riemerge fortemente l’esigenza di tornare a cucinare: si trasferisce in Lunigiana, terra d’origine, dove collabora con l’Antica Trattoria Pinelli e darà vita a Mo’ Better Food.
  Gustavo Marchesi (Guastalla 1933) Scrittore, storico e musicologo. Ha insegnato Storia della musica in Università e Conservatori italiani, è tra i fondatori dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani. Tra le pubblicazioni principali: Verdi (Utet, 1970), L’opera in musica (Ricordi-Giunti, 1986-1991), Canto e cantanti (Ricordi, 1996), Toscanini (Bompiani, 2007).
Per la narrativa: Troppe labbra profane (Azzali editore, 1984), Il cuore a metà (Marsilio, 2002), L’anatra all’arancia (Mup editore, 2003).
Ha curato, entrambi per Einaudi (1976), Mi richordo anchora di Pietro Ghizzardi e Al macero di Cesare Zavattini.
separa   separa   separa
         
rau        
         
PAOLA CADONICI        
Pedagogista, psicoterapeuta e logopedista da circa trent’anni, si occupa di comunicazione e di educazione. I libri che ha pubblicato sono la sua memoria di lavoro: Il linguaggio della voce (con saggio di E. Campogalliani, CRO); La voce e dintorni (Omega,); E l’uomo creò il canto (Rotograf); La Voce: dall’Immaginario al Reale. Tra Arte, Mito e Fiaba (Rubbettino); L’Alchimia della balbuzie (Rubbettino); Lucciole (raccolta di poesie, Otma); Cibo, Costume e dintorni (Rubbettino); R come Amore.
Ripicche, Rabbie e Rivendicazioni della Coppia in crisi (Rubbettino); Il lato oscuro della Voce Artistica (Aracne); Il Dr. Freud era un contastorie. Riflessioni per genitori, nonni ed insegnanti (Aracne); Chi fa i capricci si merita una fiaba (con P. Brighenti, Aracne); Dal lettino dello psicanalista alla poltrona del Cinema. Lo schermo come strumento di crescita emotiva (Aracne); I bambini vengono da un altro pianeta.
I grandi insegnamenti dei piccoli (Aracne); Lettera a un medico (Aracne), La voce è un gioco da ragazzi (Aracne); Sua Maestà la Disubbidienza. Riflessioni per Genitori stanchi di fare i sudditi (Aracne); Sano, sanissimo anzi malato (Aracne).